Cortei e scioperi in un Paese sotto assedio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono Torino e Milano le due città maggiormente nel caos. Perché allo sciopero dei trasporti pubblici si sono aggiunti vari cortei di protesta che hanno mandato in tilt il traffico. E la tranquillità. Sono giorni ormai che a Torino si respira una vera e propria area di protesta. Otto i cortei di questo lunedì sotto la Mole. Sabato la protesta sotto la Regione per chiedere le dimissioni del governatore Roberto Cota, oggi invece, i tranvieri sono tutti sotto il Comune dove i consiglieri comunali sono alle prese con il voto sulla parziale privatizzazione di Gtt.  Tutti per le strade, perché la protesta deve coinvolgere anche il resto dei torinesi, e tra molti scioperanti c’è anche la tentazione, emersa alla vigilia, di emulare i “forconi” e scatenare il caos. A Milano tanti disagi, code e traffico impazzito. La situazione più critica si è verificata per gli ingorghi di auto in zona stazione Centrale, dove, contemporaneamente, era in corso una manifestazione studentesca partita da largo Cairoli e arrivata in piazza Duca d’Aosta. Tensione altissima anche in tante altre città d’Italia: da Bologna a Napoli, passando per Firenze. Per arrivare fino alla Capitale dove c’è il rischio di una grossa manifestazione di protesta nei prossimi giorni.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA