Cosa non si fa per un voto in più

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

 

di Carola Olmi

C’è il candidato in mutande, chi gioca col nome e chi sfida persino le leggi del ridicolo. Cosa non si fa per un voto in più! Con le Europee, si vota in centinaia di Comuni e la febbre del candidato quest’anno brucia parecchio. Nonostante il vento dell’antipolitica, malgrado una delle campagne elettorali più moscie della storia, sono moltissimi gli italiani in corsa per la poltrona. E pazienza se non si tratta di quella più comoda e accogliente di Bruxelles. Anche negli Enti locali la partita è senza esclusione di colpi e dunque spazio alla fantasia. Con cadute di stile ed effetti comici. Ecco allora solo alcuni dei tantissimi manifesti elettorali affissi in giro per l’Italia, con volti e slogan che parlano più di qualunque articolo di giornale. Fare politica, d’altronde, per molti è meglio che lavorare. Meglio perciò non lasciare intentata alcuna possibilità, compresa quella di colpire chi va a votare con frasette strampalate e giochi di parole. La selezione della classe politica ormai avviene così. Si può diventare deputati o consiglieri comunali per caso o perchè si ha il nome giusto. Che poi si sappia fare, che si abbia un’esperienza specifica, che si meriti quel ruolo, questo è tutto un altro discorso. Divertiamoci anche noi, allora, con questa galleria presa a caso su Internet e su Facebook. Con un consiglio: il riso fa buon sangue, ma votare bene fa molto meglio. A noi e al Paese.