Così hanno fermato il Capitano Ultimo. In un libro il ritratto dell’uomo che ha arrestato Riina. Rimasto coinvolto anche nel caso Consip

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Se arresti zingari e tossici va bene, di più no perché diventi un pericolo per le lobby e cominciano i guai”. Questo dice in Fermate il Capitano Ultimo (Chiarelettere, pagg. 232) il carabiniere Sergio De Caprio, alias Capitano Ultimo, a Pino Corrias. Questo dice l’uomo che arrestò Totò Riina, e che con la sua squadra di investigatori condusse alcune delle più importanti indagini sulle mafie. Questo dice, eloquentemente, il colonnello che ha sfidato i cosiddetti “poteri forti”, che non si è mai tirato indietro e che, proprio per questo, oggi passa le sue ore dietro l’ultima vetrata, nell’ultimo ufficio di un corridoio. Senza neanche una targa sulla porta.

Un buco nero quello in cui Ultimo è precipitato, un buco nero che offusca anche l’immagine che fino a poco tempo fa si aveva del Capitano: gli occhi azzurri e il viso affascinante di Raul Bova nel celebre film che l’ha reso noto. Ma la realtà è ben diversa. Ed è tratteggiata in questa biografia in cui l’oggettività dell’inchiesta si mescola allo stile del romanzo. Il racconto è avvincente e, muovendosi su terreni molto scivolosi, offre un ritratto inedito ed esclusivo di uno dei personaggi certamente più controversi degli ultimi anni della storia d’Italia: da una parte condannato a indossare un passamontagna per sfuggire alla sentenza a morte emessa su di lui da Provenzano e Bagarella; dall’altra finito addirittura imputato – per poi essere assolto – nel processo sulla stessa trattativa Stato-Mafia (che per De Caprio non ci sarebbe mai stata: un’invenzione mediatica e nulla più).

È stato poi accusato di essere un carabiniere “esagitato, esaltato anzi eversivo”. E infatti, stando alla ricostruzione impeccabile offerta nel libro, non è stata la mafia a mettere fuori gioco l’uomo senza volto De Caprio. Dopo l’arresto di Riina e dopo che gli uomini della sua squadra erano stati dislocati nelle zone più remote d’Italia, Ultimo ha continuato a fare il suo lavoro. Si è occupato di Finmeccanica, della banca del Vaticano, dei diamanti della Lega, è stato infine accusato di aver complottato contro Renzi. Una balla colossale nata da un’informazione intossicata e mai provata, che però ha condannato ancora una volta Ultimo: l’incarico di quel periodo all’Aise è compromesso. Una buona ragione per trasferirlo nell’ultima porta di quell’ultimo corridoio. Che, tuttavia, non elude un’ultima domanda: perché questo trattamento? Solo per i continui attacchi all’Arma? Solo perché insolente? O c’è altro? A una risposta, più che plausibile, noi siamo arrivati al termine di questo libro. Grazie a questo libro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA