Così la ripresa resta un miraggio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Gaetano Pedullà

C’è un contrasto stridente tra l’ottimismo sull’azione del Governo rappresentata ancora ieri dal premier Enrico Letta e la vita reale. Altro che fatica sociale, come la chiama il Presidente del Consiglio! Fuori da Palazzo Chigi la crisi è nera e le premesse per il primo trimestre del nuovo anno sono anche peggio. Ma l’aspetto che lascia più turbati è l’assoluta amnesia su quella discontinuità in economia promessa dal capo dell’esecutivo in Parlamento. Se facciamo eccezione del nome, la nuova legge di stabilità è uguale in tutto e per tutto alle vecchie manovre finanziarie. Stesso assalto alla diligenza, stesse regalie di fine anno, stessi sprechi e stessa faccia tosta dei nostri politici. E passi l’assenza di fantasia, il vuoto di scelte coraggiose… ci siamo abituati. Quello che stride terribilmente è il perpetrare di vecchi riti, il non capire la gravità di una situazione che non a sproposito Confindustria ha di recente paragonato al dopoguerra. Dunque negli ospedali la gente muore in corsia, ma ieri si sono trovate le risorse per aumentare da 69 a 71 milioni i fondi per il cerimoniale del semestre italiano di presidenza europea. Le Forze dell’ordine, come tutti gli statali, restano con gli stipendi congelati da anni, ma i soldi per fare l’autostrada in Libia o per gli aiuti alle povere popolazioni di Cernobyl non si tagliano. Fiumi e rigagnoli di spesa pubblica che in una situazione eccezionale come l’attuale andavano concentrati in poche azioni, rinviando gli impegni non strategici a tempi migliori. Così Governo e Parlamento hanno fatto contenti un po’ tutti (a partire dai lobbisti che ormai dominano una politica fragile e arraffona) ma hanno tradito il Paese. Andiamo verso un nuovo anno senza un chiaro indirizzo in economia, senza risorse e con impegni sul groppone che non potremo rispettare in mancanza di una solida ripresa. Ripresa che andando avanti così resta un miraggio.