Cribbio! Un ex rottamatore a Cernobbio. Renzi, il nemico dei salotti buoni, nel salotto più buono di tutti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

 

Di CAROLA OLMI

 

Vado dove si lavora, non dove si chiacchiera, aveva detto l’anno scorso Matteo Renzi rifiutando l’invito a Cernobbio, al tradizionale meeting di imprenditori e poteri forti. Da un pezzo però, di quello che si autoproclamava rottamatore non è rimasto più nulla. Anzi, esattamente come faceva in molte occasioni Berlusconi, il premier è arrivato sul lago di Como in elicottero. E sempre come Berlusconi si è subito cimentato in una metafora sportiva. “L’Italia – ha detto alla platea di manager, banchieri e tantissimi aspiranti potenti – non è un più un problema per l’economia europea e mondiale. Siamo come un ciclista che si era staccato, aveva accumulato ritardo ma è riuscito a rientrare in gruppo. Ma non ci basta, non ci possiamo accontentare, anche perché il gruppo stava andando piano”. Dunque è scattata la rivendicazione delle cose fatte, partendo dal Jobs Act e dal superamento di quell’articolo 18 (divieto di licenziamento senza giusta causa) che le imprese chiedevano da molti anni. L’economia però non cammina, anche se evidentemente i piccoli progressi su Pil e occupazione devono aver pienamente soddisfatto gli imprenditori presenti a Cernobbio, visto che nessuno ha solo provato a criticare il capo del Governo. Un mutismo che la dice lunga sulla luna di miele tra il premier e quei poteri forti (o sedicenti tali) che Renzi ha confermato anche in questa occasione di voler contrastare. “Sono finiti i tempi dei salotti buoni”, ha detto nel salotto più buono di tutti, davanti a manager pubblici da lui stesso nominati, e molti personaggi noti della finanza nazionale: da decenni sempre gli stessi. Per questo la credibilità è diventata un fattore opinabile, esattamente come la promessa di abbassare le tasse e insieme il debito pubblico. La botte piena e la moglie ubriaca. Un rebus senza soluzione, che però non ha impedito agli imprenditori di applaudire. Tanto il vino a Cernobbio non manca certo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA