Crisi di governo, Conte: “Andrò io in Parlamento. Non spetta a Salvini convocare le Camere né decidere i tempi di una crisi politica”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Andrò in parlamento. Non spetta a Salvini convocare le Camere né decidere i tempi di una crisi politica. Ieri e questo pomeriggio è venuto a parlarmi Salvini il quale mi ha anticipato l’intenzione di interrompere questa esperienza di governo e di andare a votare per capitalizzare il consenso di cui la Lega gode attualmente”. E’ quanto ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, incontrando la stampa a Palazzo Chigi sulla crisi di governo che si è aperta oggi.

“Come ho già chiarito nel corso della mia informativa resa al Senato sulle inchieste russe – ha detto ancora il premier – personalmente non considero il confronto tra governo e Parlamento un molesto orpello del nostro sistema democratico ma la vera essenza della nostra forma di governo e in particolare di una democrazia parlamentare”.

“Spetterà a Salvini, – ha detto ancora il presidente del Consiglio – nella sua veste di senatore, spiegare al Paese e giustificare agli elettori che hanno creduto nella prospettiva del cambiamento le ragioni che lo portano a interrompono bruscamente. Ho letto che il ministro dell’Interno vuole che i parlamentari tornino subito al lavoro. Non spetta a Salvini convocare le Camere, non spetta al ministro dell’Interno decidere i tempi di una crisi politica nella quale intervengono ben latri attori istituzionali”.

“Confido che il passaggio parlamentare – ha aggiunto ancora il presidente del Consiglio Conte – contribuirà a fare piena chiarezza sulle scelte compiute e sulle responsabilità che ne derivano. In Parlamento a tutti gli italiani dovremo dire la verità e non potremo nasconderci dietro dichiarazioni retoriche e slogan mediatici”,

“Non permetterò più – ha aggiunto – che si alimenti la narrativa di un governo dei no. Questo governo ha parlato poco e lavorato molto. Non era in spiaggia, era nelle sedi istituzionali ha lavorato dalla mattina alla sera a beneficio di tutti gli italiani. Non accetterò più che vengano sminuiti la passione e la dedizione con cui tutti hanno affrontato l’impegno di governo e il cospicuo lavoro svolto dai parlamentari”.

“Non accetterò domande – ha concluso Conte – semplicemente perché non voglio anticipare più ampie spiegazioni che fornirò in sede parlamentare. Dopo il passaggio in Parlamento sarò ovviamente aperto a rispondere a tutte le domande e avremo il tempo e il modo per le conferenze stampa”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA