Fico al Quirinale. Il Pd: “Ci sono le condizioni per andare avanti”. Ma è rottura con Iv. Renzi: “Ci affidiamo alla saggezza del Capo dello Stato”

ROBERTO FICO
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Ora Fico ed il presidente Mattarella valuteranno, ma ci sono le condizioni per potere andare avanti”. E’ quanto ha detto il capogruppo del Pd al Senato, Andrea Marcucci (nella foto), uscendo dalla sala della Luca, mentre Fico è atteso per le 20.30 al Quirinale.

“Abbiamo fatto un lavoro importante in questi due giorni con discussioni approfondite. Rimangono distanze – ha detto, invece, il capogruppo del Pd alla Camera Graziano Delrio -, non solo con Iv, anche sull’impostazione di alcuni punti. Siamo fiduciosi che il lavoro per colmare le distanze possa essere fatto da chi dovrà formare il Governo e scrivere il programma. Il lavoro proficuo è stato fatto ma non sono state esaurite tutte le questioni”.

“Bonafede, Mes, Scuola, Arcuri, vaccini, Alta Velocità, Anpal, reddito di cittadinanza. Su questo abbiamo registrato la rottura, non su altro. Prendiamo atto dei Niet dei colleghi della ex maggioranza. Ringraziamo il presidente Fico e ci affidiamo alla saggezza del Capo dello Stato” ha scrive in un Tweet il leader di Italia Viva, Matteo Renzi.

“Renzi aveva fatto richieste sugli assetti di governo e poi è arrivata la rottura inspiegabile” affermano fonti del Pd. “Nonostante la disponibilità della maggioranza ad accogliere Iv nel governo – sottolineano le stesse fonti citate dalle agenzia -, Renzi ha deciso di rompere. Iv non può pretendere di scegliere i ministri degli altri partiti”.

Fico, secondo quanto hanno appreso le agenzie, prima di recarsi al Quirinale per riferire al Capo dello Stato l’esito del mandato esplorativo, sta sentendo per un ultima consultazione i leader della maggioranza uscente, compreso Renzi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Una destra tutta suonata

La Sinistra ha stravinto le elezioni, ma c’è poco da festeggiare quando il successo arriva per abbandono dell’avversario, che già dopo il primo turno barcollava più di un pugile suonato. Nonostante l’avvertimento emerso quindici giorni fa dalle urne, Meloni e Salvini non hanno saputo riacquistare

Continua »
TV E MEDIA