Crisi di governo, pesanti ripercussioni sulla Borsa di Milano. Piazza Affari perde il 2,3%. Lo Spread schizza a 239 punti. In picchiata i titoli bancari

dalla Redazione
Economia

Le tensioni nel governo e lo spettro del voto in autunno pesano sulla Borsa di Milano. A Piazza Affari l’indice Ftse Mib lascia sul terreno il 2,3% a 20.360 punti. Mentre lo spread tra Btp e bund è salito a 239 punti base con il rendimento del decennale all’1,8%. Male soprattutto i titoli bancari: Ubi perde il 5,84%, Bper il 5,7%, Mps il il 5,69%, Unicredit il 5,71%.