Cryptovalute, maxi frode informatica da 120 milioni. L’autore è un 34enne fiorentino. Si tratta del più grande attacco cyber-finanziario compiuto finora in Italia

Polizia postale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Identificato dalla Polizia Postale l’autore del più grande attacco cyber-finanziario in Italia, uno dei più grandi mai realizzati nel mondo nel settore delle cryptovalute. Gli investigatori della Polizia Postale di Firenze e della Sezione financial cybercrime del Servizio centrale della Polizia Postale in Roma, con l’ausilio dei militari della Guardia di finanza della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura di Firenze, hanno eseguito la misura del divieto di esercitare attività d’impresa e di ricoprire uffici direttivi di imprese nei confronti di un 34enne fiorentino, amministratore unico di una società italiana che gestisce una piattaforma di scambio di cryptovalute (exchange), ritenuto responsabile di una frode informatica di 120 milioni di euro, di bancarotta fraudolenta e di auto riciclaggio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA