Csm diviso sul procuratore capo di Napoli. Alla fine la spunta Giovanni Melillo: 14 voti contro 9 a Federico Cafiero de Raho

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Come da previsioni della vigilia, non è stato trovato un accordo sul nome del procuratore di Napoli si è andati alla conta. Al termine di una discussione protrattasi per oltre otto ore, il plenum si e’ spaccato, preferendo alla fine Giovanni Melillo con 14 voti su Federico Cafiero de Raho.

Per l’ex capo di gabinetto al ministero della Giustizia i laici, ad eccezione di Alessio Zaccaria indicato da Cinquestelle che si è astenuto, il primo presidente e il Pg della Cassazione, il togato di Magistratura Indipendente Claudio Galoppi e cinque su sette consiglieri di Area. Non ha partecipato, invece, al voto il vicepresidente Giovanni Legnini. Per Cafiero tutti i consiglieri di Unicost e quelli di MI e gli altri due di Area.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA