Sport e spettacoli, si riparte. Via libera del Cts all’aumento dei limiti di capienza. Cinema e teatri al 100% all’80, stadi al 75%

Cts Sileri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Capienza di cinema, teatri e sale da concerto al 100% all’aperto e all’80% al chiuso. Per gli impianti sportivi, invece, si passa dal 55 al 75% all’aperto e dal 25 al 50% al chiuso. Sono i nuovi parametri raccomandati dal Cts al termine del tavolo di ieri con il ministro dei Beni e delle Attività culturali, Dario Franceschini, e il sottosegretario con delega allo Sport, Valentina Vezzali. Parametri ovviamente validi solo in zona bianca e accesso consentito solo a chi è munito di Green Pass.

Le indicazioni degli esperti potrebbero essere recepite già domani in un decreto del Governo. Resta invece ancora da sciogliere il nodo discoteche. Intanto il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri (nella foto), ha parlato di un possibile stop alla quarantena per i vaccinati. “E’ un momento di transizione questo – afferma Sileri – le cose stanno andando molto bene, osserviamo ciò che accadrà nelle prossime settimane come i contagi dopo aver riaperto tutto, comprese le scuole. Poi penso che sia auspicabile e di buonsenso liberare chi è vaccinato dalle quarantene”.

Certo è che il sottosegretario non può trascurare l’aspetto varianti ed il possibile rischio infezione anche per i vaccinati. E infatti per la scuola parla di “buonsenso della vaccinazione e dell’opera di screening nella classi sotto i 12 anni anche con i test salivari, che dovrà limitare le quarantene per le classi. Poi dipenderà dal tipo di classe e da quella che è la possibilità di contatto”.

Ma non si può certo vivere tutta la vita con la certificazione verde: “Non è un passaporto che dura 10 anni, avrà una scadenza. Non vivremo per sempre col green pass, è temporaneo e vedrà una fine quando finirà la fase pandemica del virus. Tutto dipenderà dalla circolazione del virus, quando si passerà da una pandemia a una endemia con una circolazione minima del virus. Allora, a quel punto, il green pass non servirà più. Credo che il 2022 sarà davvero l’anno della svolta”.

E sui luoghi della cultura dice: “Un cinema, un teatro con il Green pass può avere anche la capienza piena: penso si arriverà presto al via libera” anche da parte del Cts. “Può esserci qualche riluttanza del Cts, facciamolo per gradi, ma arriviamo presto al 100 per cento. E vale anche per sale da ballo e discoteche: lì serve forse più cautela e farlo più per gradi, ma avere un concerto con un numero di persone limitate, ma tutte controllate tutte con il Green pass, è più che fattibile”.