Cucchiani (Intesa Sanpaolo): O Governo stabile, o intervenga troika

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La cosa importante è avere un Governo stabile, altrimenti la cosa più ovvia, e non la peggiore, è quella di un intervento di enti esterni” come “la troika Ue, Bce e Fmi”. Lo ha detto Enrico Cucchiani, consigliere delegato di Intesa Sanpaolo, a margine del Forun di Confcommercio a Cernobbio. “La cosa importante è avere un Governo che affronta i temi reali del Paese con grande senso dell’urgenza e di responsabilità, che si focalizza sui temi economici, che sono quelli che determinano i problemi sociali”. “La stabilità è una condizione auspicabile – ha aggiunto – ma se abbiamo un governo stabile che non fa nulla non sarebbe di grande aiuto. La cosa più importante è avere un governo, qualsiasi esso sia, che interviene sulle tematiche economiche, che sono quelle che a loro volta determinano le problematiche di tipo sociali sociali e in primis il livello di occupazione”. Se questo non dovesse avvenire per Cucchiani “giocoforza ci sarà un intervento esterno” anche se è “auspicabile che non ci sia”. “Questa non deve essere la prima opzione – ha aggiunto – e non deve essere nemmeno considerata quella di riserva”. “Non siamo nella condizione di avere interventi” esterni di questo tipo “perché abbiamo dati macroeconomici molto buoni e molto solidi – ha aggiunto – abbiamo un tessuto industriale molto forte e il nostro Paese ha tutto quello che è necessario per uscire dallo stallo con le proprie gambe e le proprie forze”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA