Da Di Maio a Di Battista: chi entrerà nel direttivo M5S. Non presenterà alcuna candidatura la Appendino. Un posto potrebbe andare a Gallo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sebbene nessuno ne parli (anche perché ancora non sono chiare le modalità di elezione, il numero dei componenti, e così via) nel sottobosco pentastellato la partita per entrare nel direttivo è partita. E non da ieri. In tanti avrebbero voluto, all’interno del nuovo direttivo che di fatto prenderà il posto del “capo politico” Vito Crimi, Chiara Appendino. Stimata da tanti attivisti e parlamentari e, soprattutto, da Beppe Grillo, anche ieri ha fatto sapere che non presenterà alcuna candidatura: “No. Mi sono autosospesa dal Movimento per coerenza (dopo l’inchiesta da cui è stata colpita, ndr)”, ha fatto sapere.

Chi potrebbe, allora, entrare nel direttivo? Per tanti parlamentari sono scontati i nomi di Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista. Il primo è tornato ad essere leader de facto del Movimento; il secondo si è riguadagnato la fiducia di tanti soprattutto per non aver alzato i toni su una partita delicata come quella della riforma del Mes. Ad avere le carte in regola per entrare nel direttivo è anche Luigi Gallo, deputato e portavoce delle “Parole Guerriere”, gruppo pentastellato che forse riesce meglio di tanti altri a coniugare il rispetto per i principi originari e la necessità di voltare pagina rispetto al passato.

Non è detto, però, che non possano trovare spazio anche deputati di prima legislatura. Un candidato forte potrebbero essere Riccardo Ricciardi, oggi vicepresidente del gruppo alla Camera, molto vicino a Roberto Fico e che nel corso degli ultimi mesi si è contraddistinto per battaglie e verve.