Da Malta ai Paesi Baltici, tutte le offerte da prendere al volo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Enzo Di Giacomo

Malta, l’isola che c’è.  Con le due isole minori di Gozo e Comino che, insieme con la capitale La Valletta, rappresentano tutto l’universo maltese. Reso noto nel mondo per i Cavalieri dapprima del Santo Sepolcro, Cavalieri di Malta poi. Nella Cattedrale di San Giovanni, a La Valletta, è collocata una delle opere più rappresentative di Caravaggio che dipinse nei suoi due anni di soggiorno nell’isola, «una delle opere di più tragico pathos sacrale che siano mai state eseguite: la Decollazione del Battista» (Bona Casstellotti). Poco dopo usciti da La Valletta, le due città di Mdina e Rabat, con testimonianze della civiltà islamica. A poco più di un’ora da Roma, Malta accoglie annualmente milioni di turisti che vi si recano per le sue acque cristalline, l’arte modulata nelle sue varie forme, la filiera alberghiera di qualità, buono il rapporto qualità/prezzo. Soggiorno di 5 giorni con 4 notti volo + hotel 134 euro a persona da domenica 8 a giovedì 12 dicembre. www.viaggiare.it

Chissà quante volte vi sarà capitato di leggere i paesi baltici, quasi fossero collocati lontani dall’Europa, con le capitali Vilnius, Riga, Tallinn. La capitale dell’Estonia è un gioiello d’arte e di modernità, di avanzate strutture tecnologiche. Negli ultimi decenni, Tallinn ha avuto un notevole sviluppo sociale e culturale. La old town di Tallinn (patrimonio dell’Unesco dal 1997), nel cuore della città, con le sue torri rappresenta un modello di città ben conservata e da visitare. Soggiorno di 4 giorni con 3 notti di pernottamento più il volo a 193 euro a persona. www.viaggiare.it

Fra le tante città della Francia, autentici gioielli di architettura e storia, merita una visita Nantes, situata tra la Valle della Loira e la Bretagna. Con i suoi 300mila abitanti circa, Nantes ha un’offerta culturale e turistica di qualità: Castello dei Duchi di Bretagna, la cui costruzione risale al XV secolo con Francesco II; il viaggio a Nantes (VAN) è una scoperta sensoriale e poetica della città, attraverso un percorso di 15 chilometri e una trentina di tappe; l’arte contemporanea sulla Loira, da Nantes fino a Saint-Nazaire un percorso di 60 chilometri sulle acque della Loira. La Commissione Europea ha scelto Nantes come capitale verde europea nel 2013.

Dotata di un moderno aeroporto internazionale con circa 3 milioni di passeggeri l’anno, Nantes si può raggiungere da Roma con voli diretti con Transavia, compagnia leisure olandese del Gruppo Air France-Klm, che ha aperto da maggio i nuovi collegamenti con Nantes. Voli a tariffe ridotte in alcuni giorni della settimana: 45 euro Roma-Nantes partenza giovedì 21 novembre, 35 euro Nantes-Roma partenza domenica 24 novembre. www.transavia.com

Quanti saranno quelli che nel 2014 celebreranno i cento anni dall’inizio della Prima Guerra Mondiale? Alcune località italiane, teatro dei combattimenti, si preparano a  ricordare  quel tragico conflitto. La provincia di Gorizia ha preparato il circuito turistico “Carso 2014: un vero e proprio museo a cielo aperto che valorizza gli aspetti culturali, storici, ambientali ed enogastronomici del Carso isontino. Si parte dal Museo Provinciale della Grande Guerra di Gorizia, che propone una ricostruzione degli eventi bellici nei sotterranei delle cinquecentesche Case Dornberg e Tasso,  per proseguire verso Sagrado e la Zona Sacra Monte San  Michele, la cima più alta del Carso, teatro di aspri combattimenti nel 1916.  www.provincia.gorizia.it

La realtà agrituristica in Italia si conferma positiva per il 2012: sono 20.474 (+0,3% rispetto all’anno precedente) le aziende autorizzate, come rilevato dall’ultimo report dell’Istat. Toscana (con 4.185 aziende) e Alto Adige (2.996) si confermano le regioni leader. Più di un’azienda agrituristica su tre è a conduzione femminile e la maggiore concentrazione si rileva in Toscana, con 1.707 aziende. Nel 2012, tra le 1.225 aziende cessate, 772 sono localizzate nel Mezzogiorno, 273 nel Nord e 180 nel Centro Italia. Il più alto numero di cessazioni si rileva in Campania con 450 casi, pari al 36,7% del totale nazionale.