Da Siri alla Castelli, da Di Stefano a Molteni: come viceministri e sottosegretari Di Maio e Salvini si affidano ai fedelissimi. Ecco chi corre

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chiusa quella dei ministri, adesso per il Governo di Giuseppe Conte si apre la partita per la nomina di viceministri e sottosegretari. Ma non solo. Stando a quanto riportato da alcuni organi di stampa, nell’organigramma dei ministeri sia Luigi Di Maio sia Matteo Salvini puntano a ‘piazzare’ molti dei loro fedelissimi, quelli – per intenderci – rimasti fuori dai dicasteri che contano. Ad affiancare Giovanni Tria all’Economia, scrive il Corriere della Sera, potrebbero andare i due economisti leghisti Alberto Bagnai e Armando Siri. Ma si fa anche il nome di Michele Geraci, il professore espertissimo di Cina che ha già lavorato alla fusione dei programmi economici di Carroccio e pentastellati. E poi, la deputata grillina Laura Castelli, in rampa di lancio come viceministro.

Sempre secondo il quotidiano di via Solferino, in quota 5S circolano i nomi di Manlio Di Stefano (Esteri), Nunzia Catalfo o Lorenzo Fioramonti (Lavoro e Sviluppo economico) e Fabiana Dadone (Interno). Il direttore generale di Infrastrutture lombarde, il bresciano Guido Bonomelli (Lega), potrebbe ricoprire il ruolo di sottosegretario ai Trasporti. Tra i sottosegretari salviniani, assai probabile il leader della Lega ligure Edoardo Rixi. Altro tema che suscita riflessioni in casa Lega, sono i sottosegretari al ministero dell’Interno: Salvini vorrebbe accanto a sé i fidatissimi Stefano Candiani e Nicola Molteni, anche se il primo potrebbe essere ‘sacrificato’ come nuovo capogruppo del Carroccio al Senato dopo la nomina a ministro di Gian Marco Centinaio.

Alla Cultura, secondo Repubblica, ci sarebbe già pronto un posto per la senatrice grillina Michela Montevecchi.

La partita della partita è quella delle nomine, a cominciare dalla Rai che, già a luglio, sarà guidata da un nuovo Cda e da un altro direttore generale. Proprio per il ruolo di dg, sempre Repubblica fa il nome di Fabrizio Salini, ex Fox, Sky e La7, che avrebbe come primo compito quello di riportare su Rai1 Michela Gabanelli collocandola nella striscia post Tg1 che fu di Enzo Biagi. La poltrona di amministratore delegato della Cassa Depositi e Prestiti può andare invece all’ex Ad di Poste, Massimo Sarmi, molto stimato dalla neo ministra della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno.