Dai sovranisti abruzzesi zero aiuti alle imprese. La giunta Marsilio prima promette e poi dimentica aziende e partite Iva

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il contributo a fondo perduto promesso da Regione Abruzzo per imprese, esercizi commerciali e partite Iva non è ancora arrivato a destinazione. A denunciarlo il vicepresidente del Consiglio regionale abruzzese Domenico Pettinari. “Abbiamo circa 22mila partite Iva che aspettano ancora che l’ente regionale si dia una mossa”, ha detto. Tali ritardi non sono del resto una novità per la giunta sovranista di Marco Marsilio, che persino sul Cura Abruzzo è ormai alla terza stesura, viste le precedenti bocciature del governo per mancanza di coperture finanziarie. La Regione dovrà modificare le correzioni delle revisioni già riviste. Non è uno scioglilingua, ma l’amara realtà di una proposta di legge regionale riproposta peggio di quella impugnata dal Consiglio dei ministri.

“Ogni giorno annunci e vuota propaganda da tutto il centrodestra, eppure, a mesi di distanza dalla parte più acuta dell’emergenza, nessun abruzzese ha ricevuto un solo euro dal fondo perduto promesso dalla Giunta – aggiunge Pettinari – e non sono sufficienti gli annunci di determine continuando una corsa al titolo di giornale. Vogliamo vedere arrivare a destinazione i bonifici ancora non effettuati per aiutare il tessuto economico della nostra regione. Parliamo di soldi freschi che servono adesso e non tra qualche settimana quando potrebbe essere troppo tardi per molti lavoratori”. Gli unici aiuti a fondo perduto di cui hanno goduto gli abruzzesi per ora sono solo quelli del Governo nazionale tanto criticato.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA