D’Alema difende Conte e riporta Renzi sulla terra: “Non si caccia l’uomo più popolare del Paese per fare un favore a quello più impopolare”

MASSIMO D'ALEMA
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Vedrete che presto si tornerà a parlare d’altro”. Massimo D’Alema è ottimista sulla crisi di governo e sul testa a testa tra il premier Giuseppe Conte e il leader di Italia Viva Matteo Renzi “Non credo che possa passare per la mente di nessuno l’idea di mandare via da Palazzo Chigi l’uomo più popolare del Paese per fare un favore a quello più impopolare» dice l’ex premier dem a Repubblica. Tra le voci quella che a Palazzo Chigi arrivi una personalità forte del Pd: Goffredo Bettini. Non come vicepremier, ma nei panni di sottosegretario alla presidenza del Consiglio. “Bettini è uno serio e responsabile. Per fortuna a cercare una soluzione ci sono uomini come lui e come Roberto Speranza, il difensore della salute degli italiani”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA