D’Alfonso salva ancora la doppia poltrona. Il Consiglio regionale respinge l’incompatibilità nei confronti del governatore-senatore d’Abruzzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Con 16 voti contro e 15 a favore il Consiglio regionale d’Abruzzo ha respinto l’istanza di incompatibilità nei confronti del governatore Luciano D’Alfonso, eletto senatore nelle scorse politiche del 4 marzo. Per l’assemblea, che ha di fatto confermato a maggioranza la decisione della Giunta regionale delle elezioni, non sussistono per ora cause di incompatibilità in quanto lo status ufficiale di senatore scatta solo dopo la convalida da parte della Giunta per le elezioni del Senato. M5S e Centrodestra hanno contestato il no del presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio, che, secondo le opposizioni ha cambiato posizione rispetto all’astensione tenuta nel corso della Giunta per le elezioni dello scorso 26 aprile, che aveva già deliberato la non incompatibilità.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA