Dalla flat tax al “no” alle larghe intese: Berlusconi è già in campagna elettorale. Lancia Gallitelli candidato premier e polemizza con Salvini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

O lui o qualcun altro. Magari l’ex comandante generale dei Carabinieri, Leonardo Gallitelli, già tirato in ballo per la presidenza della Regione Lazio. Ma non Matteo Salvini, per intenderci. Silvio Berlusconi è ancora in campo. Anche se stavolta, a differenza 1994, il “pericolo” non è quello comunista ma del Movimento 5 Stelle che si fa guidare da “un vecchio comico e da un esperto di comunicazione”, alias Beppe Grillo e Davide Casaleggio.

Ospite di Che tempo che fa, Berlusconi si definisce un candidato “del presente” ma, se la sentenza di Strasburgo non arrivasse o fosse negativa, lancia appunto il nome del generale Gallitelli. “Uno dei migliori vertici del Corpo dei Carabinieri”, dice. Nello stesso giorno in cui Matteo Renzi ha chiuso la Leopolda, Berlusconi è prima salito sul palco di IdeeItalia, la “contro Leopolda” di Forza Italia organizzata a Milano da Paolo Romani e Mariastella Gelmini. “La Leopolda – dice l’ex premier – ha chiamato i giovani, che sono una parte dell’Italia che non vede il futuro e su cui dobbiamo intervenire ma noi abbiamo sentito tutta Italia” ha rivendicato all’inizio di un intervento fiume ha ripetuto le sue proposte, dalla flat tax per famiglie e imprese all’abolizione del bollo sulla prima auto. Perciò l’ipotesi delle larghe intese col Centrosinistra, in caso di uno stallo post elezioni, è “irrealistica”, assicura Berlusconi, rispondendo indirettamente a Salvini che avrebbe voluto sancire un ‘patto anti inciucio’ davanti a un notaio.

“Il centrodestra sta al 38% secondo gli ultimi sondaggi – sottolinea Berlusconi – nel 2013 quando ritornai in campo nel giro di 23 giorni di campagna elettorale aggiunsi 10 punti, ora abbiamo avanti 4 mesi per crescere”. Sia alla “contro Leopolda” sia da Fabio Fazio, Berlusconi si è soffermato anche sul programma. “Un work in progress sul quale c’è già stata una prima approvazione di Fratelli d’Italia e Lega”. Senza dimenticare il fatto che il Centrodestra avrà una “quarta gamba” formata già adesso da “una decina di piccoli partiti”, fra i quali quelli degli ex ministri Gaetano Quagliariello e Gianfranco Rotondi. Nel “suo” governo, il Cavaliere vede 20 ministri, 12 “superprotagonisti” della società civile e 8 politici: tre di FI, tre della Lega e due di FdI. Anche se bisognerà “fare spazio alla quarta componente del futuro centrodestra”.

Da gennaio il leader FI visiterà tutte le venti Regioni italiane. “Tornare è un mio preciso dovere, come lo fu nel ’94, per evitare che il Paese vada in una situazione grave e pericolosa. Lo farò con le forze di chi ha più di 70 anni ma si sente un quarantenne”, ha spiegato Berlusconi dicendosi pronto, nel caso non la faccia la Lega, a candidare il suo “amico” Umberto Bossi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA