Dalla Lista Storace ai Pensionati: i partiti nemici della trasparenza. In sette ignorano la legge e non presentano bilanci: ecco la lista degli irregolari stilato dal Parlamento

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non si contano quasi più le norme approvate nel corso degli anni per garantire legalità e trasparenza nella gestione del denaro da parte dei partiti. Ogni sforzo del legislatore sembra però vano davanti a forze politiche riottose a qualsiasi forma di controllo. L’ennesima prova di tale insofferenza alle regole arriva dall’ultima relazione trasmessa ai presidenti delle Camere dalla Commissione di garanzia degli statuti e per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti appunto e dei movimenti politici. Ben sette le forze politiche che nell’ultimo anno, incuranti di quanto previsto dalla norma, non hanno proprio presentato i bilanci.

LE VERIFICHE. La Commissione controlla soprattutto la regolarità e la conformità alla legge dei rendiconti presentati ogni anno dai partiti. E nel 2018 si è concentrata sui bilanci dell’anno precedente, verificando la conformità delle spese effettivamente sostenute e delle entrate percepite, oltre a proseguire gli accertamenti su alcuni movimenti per quanto riguarda i rendiconti del 2014, 2015 e 2016. Ma per compiere tali accertamenti le forze politiche devono trasmettere alla Commissione gli stessi rendiconti e non tutti lo fanno.

IL PUNTO. Di 84 partiti e movimenti politici sottoposti all’obbligo di presentazione del bilancio, solo in 77 hanno inviato le carte ai commissari e solo 61 bilanci sono stati riconosciuti già regolari. Senza contare che sono ancora in corso controlli per irregolarità riscontrate nei bilanci di due partiti nel 2016 e che per lo stesso anno altri sette sono stati sanzionati. Sanzioni infine per i rendiconti presentati da due forze politiche nel 2015 e per una relativamente al rendiconto del 2014. Tornando però alle verifiche sugli ultimi bilanci, dunque quelli del 2017, i controlli sono ancora in corso su 14 partiti e movimenti politici, tra cui Lega Nord, Rifondazione comunista, Pd, Psi, Sel e Udc. A non trasmettere i rendiconti sono stati invece in sette: La Destra, Lista Storace Presidente, Movimento per le autonomie, Nello Musumeci presidente, Partito dei Pensionati, Realtà Italia e Rete a Sinistra. Un vizio a quanto pare per alcuni. La Destra, Lista Storace Presidente, il Movimento per le autonomie, il Partito dei Pensionati, Realtà Italia e Rete a sinistra non hanno infatti esibito i resoconti neppure per il 2016. Insomma tutti trasparenti e ligi alle regole. Ma soltanto a parole.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA