Decadenza Berlusconi, al via i lavori della giunta. Oggi si conclude la discussione generale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono ripresi questa mattina nell’aula di Sant’Ivo alla Sapienza, i lavori della giunta delle Elezioni che deve decidere sulla decadenza da senatore di Silvio Berlusconi. Oggi, con gli ultimi nove interventi in programma, si concluderà la discussione generale. Domani mattina è invece prevista l’eventuale replica del relatore Andrea Augello e, a partire dalle 20.30, ci saranno le dichiarazioni di voto e il voto sulla sua proposta di convalida dell’elezione del leader Pdl.

Stefano: oggi si conclude discussione generale
“Questa mattina, con gli ultimi nove interventi, concluderemo la discussione generale. Il calendario non si modifica, rimane tale e domani sera è previsto il voto”. Così il presidente della giunta delle Elezioni alla Sapienza, Dario Stefano. Il leader Pdl si dimetterà? “Io non posso farmi distrarre da notizie o anticipazioni giornalistiche – risponde – andiamo avanti in un clima di discussione del merito della questione che ci consente di districare la matassa”.

Giarrusso: temiamo sorprese in aula
“Sorprese in Giunta non ce ne dovrebbero essere – ha detto il senatore grillino Mario Giarrusso arrivando alla Sapienza – Le pronunce sono ormai chiare, le dichiarazioni sono univoche”, ma “temiamo” che si possano essere sorprese in Aula. Ecco perché il M5S depositerà oggi una proposta di modifica del regolamento del Senato. “Modificare il regolamento si può – aggiunge Giarrusso – se più gruppi si esprimono in tal senso il presidente Grasso non può che prenderne atto”.

Buemi: Cav decada per interdizione non per Severino
La giunta delle Elezioni di palazzo Madama deve dichiarare la decadenza di Silvio Berlusconi da senatore perché interdetto e non per quanto previsto dalla legge Severino. È questa “la strada maestra” da seguire secondo il senatore del Psi Enrico Buemi, intervenuto questa mattina in giunta.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA