Decapitati quattro curdi, tre sono donne

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ancora esecuzioni da parte dei jihadisti dello Stato islamico. Quasta volta non si tratta di occidentali, ma di quattro peshmerga, i miliziani curdi che da oltre dieci giorni tentano di respingere l’avanzata dell’Is verso la città di Kobane, non distante dal confine tra Siria e Turchia. Secondo Osservatorio nazionale per i diritti umani, i jihadisti hanno decapitato i quattro curdi, di cui tre donne, caduti nelle loro mani durante i combattimenti.
E’ stato diffuso dall’Is il terzo video con protagonista l’ostaggio britannico John Cantlie. Si intitola “prestatemi ascolto” e “messaggi del detenuto britannico John Cantlie”, 5 minuti e mezzo in cui il 43enne giornalista appare vestito con la stessa tuta arancione, seduto a un tavolo. Il filmato è poi stato rimosso da Youtube e decine di account twitter pro-Is sono stati chiusi. Cantlie critica la strategia dei raid contro l’Is. Citando il discorso di Obama in occasione dell’anniversario dell’11 settembre, afferma: “Con i raid non guadagnerete terreno” e la campagna militare in Siria e Iraq, “non renderà l’Occidente più sicuro”.