Delirio social a Lecce: dice di fare il rapinatore su Facebook. E viene arrestato per tentata rapina

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Scrivere di essere un “rapinatore di banca” su Facebook. E provare a fare una rapina reale. Che non forse non è nemmeno l’unica, ma una delle tante. Sembra la sceneggiatura di un film, ma è quanto accaduto con Antonio Gaetani, 28enne di Alliste (Lecce). Sul suo profilo social, infatti, il giovane dichiarava di svolgere come lavoro quello del “rapinatore di banca”. Una sciocca burla? Macché: era la verità. Il giovane è stato acciuffato dopo un “colpo” non a un istituto di credito ma a un supermercato, insieme a due presunti complici. Uno di loro ha anche cercato di difendersi, sostenendo che si trattasse di un’iniziativa nata al momento. Tuttavia, proprio Gaetani aveva con sé un fucile da sub e nell’auto sono stati ritrovato gli indumenti, compresi passamontagna, usati durante la rapina stessa.

I carabinieri ipotizzano che la piccola banda sia responsabile di altre rapine messe a segno in zona, tanto da far scattare un vero e proprio allarme per l’escalation. Intanto il gip ha convalidato l’arresto, disponendo la custodia cautelare. Secondo quanto ricostruito gli inquirenti, i tre potrebbero aver scelto di fare soldi con le rapine per soddisfare la necessità di acquistare droga. Davanti al giudice, infatti, avrebbero ammesso di aver sviluppato dipendenza da cocaina.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA