Delitto di Cogne, sono da rivedere i domiciliari alla Franzoni. La Cassazione passa la palla al Riesame che deciderà sulla donna condannata per aver ucciso il figlioletto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Arresti domiciliari da rivedere per Annamaria Franzoni. La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio l’ordinanza del Tribunale di Sorveglianza di Bologna che aveva concesso alla donna, condannata in via definitiva a 16 anni di reclusione per l’omicidio del figlioletto Samuele il 30 gennaio 2002, i domiciliari. Ci sarà quindi un nuovo esame da parte dei giudici bolognesi sulla questione. La Franzoni fino al giugno scorso è stata detenuta in carcere a Bologna dopo la condanna definitiva del 2008. Attualmente può lasciare la sua abitazione a Santa Cristina di Ripoli (Bologna) per qualche ora al giorno ma non può tornare a Cogne. Il sostituto procuratore aveva chiesto la conferma degli arresti domiciliari, richiesta però rigettata dalla Suprema Corte.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA