Dell’Aringa consulente per mezza pubblica amministrazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Stefano Sansonetti

Un numero di clienti a dir poco impressionante, soprattutto nella pubblica amministrazione. E un giro d’affari che, in anni di crisi, è riuscito ad aumentare e a superare i 4 milioni di euro. Dietro questa cifra c’è Ref Ricerche, società di consulenza che opera nei settori dell’economia, del lavoro, della finanza pubblica, del federalismo, delle tariffe, dell’energia e chi più ne ha più ne metta. Ora, si dà il caso che nell’azionariato di Ref Ricerche, con una quota del 14,6% (esattamente come gli altri soci), risulti tutt’ora Carlo Dell’Aringa, ordinario all’università Cattolica, appena nominato sottosegretario al ministero del Lavoro.
L’economista tra l’altro è anche deputato del Pd. E proprio la Camera figura come cliente di Ref Ricerche, almeno a stare alla lista pubblicata on line sul sito della società di consulenza. Ma non finisce qui, visto che dal medesimo elenco si apprende che tra i clienti ci sono anche il Senato, il ministero dell’Economia e quello stesso ministero del Lavoro di cui Dell’Aringa è appena diventato sottosegretario.

Elenco clienti smisurato
Insomma, la situazione è come minimo imbarazzante. Certo, c’è da dire che dai primi di marzo il deputato Pd ha lasciato il consiglio di amministrazione di Ref, verosimilmente dopo l’elezione a Montecitorio. Ma a stare a una semplice visura camerale il suo nome continua a comparire tra gli azionisti. Peraltro in compagnia di altri economisti come Giacomo Vaciago e Giangiacomo Nardozzi. Che poi il ventaglio dei clienti di Ref è così ampio da coinvolgere mezza pubblica amministrazione.

Società pubbliche e private
Oltre ad alcuni ministeri e ai due rami del parlamento, nella lista ci sono organi costituzionali come il Cnel. E spuntano anche società semi pubbliche, e quotate in borsa, come Eni, Enel e Terna. Impossibile, invece, elencare esaustivamente i clienti privati, visto che ci sono tutti i più grandi gruppi nostrani ed esteri (Unicredit, Intesa, Shell, Pirelli, Borsa Italiana, Citibank, Eon, Morgan Stanley). Probabilmente può essere sufficiente sapere che nella lista compare Confindustria. Come detto, a dir poco controcorrente si sono rivelati gli affari di Ref. Nel 2011, in base ai dati dell’ultimo bilancio disponibile, il fatturato è stato di 4,1 milioni di euro, in aumento rispetto ai 3,4 milioni dell’anno precedente. Alla faccia della crisi che ha messo in ginocchio un’incredibile quantità di imprese.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA