Deputati decimati dal Covid. A Montecitorio arriva un’altra stretta contro i contagi. Bandite la mascherine di stoffa. Sanzioni per chi viola le misure

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gli oltre 31mila nuovi contagi impongono provvedimenti e misure più rigide anche nei Palazzi romani. Alla Camera, presieduta da Roberto Fico, già dallo scorso febbraio è stato delineato un perimetro di norme, che hanno preso il via con la limitazione del numero di accessi di soggetti esterni e le occasioni di contatto anche in relazione ai pasti. In questi giorni un’ulteriore stretta. I questori di Montecitorio hanno disposto che dopo 3 ore di lavori dell’Aula segua un’ora e mezza di sospensione per consentire l’areazione e l’igienizzazione degli ambienti.

Per quanto riguarda le commissioni, invece, si rispetterà un’ora di sospensione dopo 3 ore di lavori. In più, vengono indicate le tipologie di mascherine da indossare: chirurgica, FFP2 e FFP3. Niente più mascherine di stoffa dunque. Ai deputati sarà poi raccomandato di muoversi il meno possibile nel corso delle votazioni e di non cambiare postazione durante la seduta. In caso contrario? Sanzioni. Inoltre è stato disposto un ampliamento dell’Aula prima alle tribune e poi al Transatlantico.

Dallo scorso 20 ottobre è stata disposta inoltre l’esecuzione di tamponi molecolari e test rapidi, rivolti a chi lavora in maniera stabile al suo interno e sempre sulla base di una valutazione medica. A deputate e deputati – a partire da questa settimana – è dedicato poi lo screening del lunedì e martedì, al rientro dai collegi, con test rapidi e risultati in 15 minuti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA