Derivati, indagati a Bari Profumo e Ghizzoni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Con l’accusa di bancarotta, per aver provocato il fallimento della società barese Divania, la procura di Bari ha inviato avviso di conclusione indagini a 16 dirigenti Unicredit, tra cui l’ad Federico Ghizzoni e il suo predecessore Alessandro Profumo, ora presidente di Mps. La notizia, anticipata da l’Espresso.it, ha trovato conferma in ambienti giudiziari. La vicenda riguarda la sottoscrizione di derivati da parte di Divania che riportò perdite che, nel 2011, portarono la società (con oltre 400 dipendenti) al fallimento.

Immediata la precisazione di Unicredit: “UniCredit, in relazione alla vicenda, ancora una volta non può che ribadire fermamente la correttezza del proprio operato, di quello di ex esponenti e propri dipendenti ed è convinta che ciò potrà emergere dal vaglio delle sedi giudiziarie. Le vere ragioni del default di Divania sono peraltro contenute nella sentenza dichiarativa del suo fallimento del giugno 2011, confermate anche dalla Corte d’Appello di Bari. L’attuale ad di UniCredit, all’epoca dei fatti, ricopriva peraltro altri incarichi all’estero e quindi in nessun modo può essere coinvolto in questa vicenda”.