Destre incapaci di manifestare in sicurezza. E volevano gestire l’emergenza. Salvini, Meloni e Tajani danno vita a un pericoloso assembramento

di Giorgio Iusti
Politica

Deve essere terribile per uno che pensava di avere il potere in tasca e chiedeva pieni poteri essersi ritrovato in meno di un anno senza un minimo di potere e in calo vertiginoso nei sondaggi. Va da sé che Matteo Salvini non resiste. Sa che la sua forza arriva con selfie e bagni di folla. E ieri ha quindi dato vita a una manifestazione a Roma con migliaia di persone, un mega assembramento, una delle cose peggiori da fare per far ripartire la sinistra catena dei contagi da coronavirus. Dettagli a cui non bada chi pensa solo a fare cassa elettorale, o meglio spera, nonostante durante il lockdown abbia in continuazione omaggiato i medici definiti eroi. E quanto accaduto è la migliore risposta su cosa avrebbero rappresentato le destre e in particolare i sovranisti se si fossero trovati alla guida del Paese, nel momento in cui l’Italia si è trovata a fare i conti con la crisi sanitaria ed economica peggiore nella storia della Repubblica.

IRRESPONSABILE SPOT. In piazza del Popolo il leader leghista ha avuto una sola ossessione: ritrovare il suo popolo e sentirsi nuovamente Capitano. Con la mascherina rigorosamente tricolore, ma abbassata, Salvini si è abbandonato a invettive e foto. Tanto, come ha detto lui, “gli esperti dicono che il virus sta morendo”. Abbastanza da far provare imbarazzo persino a Giorgia Meloni, l’altra sovranista di lotta, dopo essere stata per anni di governo con Silvio Berlusconi, votando provvedimenti che ora dichiara ogni secondo di osteggiare. E all’azzurro Antonio Tajani, che in mezzo a quella folla urlante, appariva un pesce fuor d’acqua.

La leader di Fratelli d’Italia aveva invitato tutti a seguire l’appuntamento via social, ha tenuto naso e bocca ben coperti con la mascherina patriottica, ma appariva evidente che non sapeva come smarcarsi da una situazione improbabile, dove chi come lei aspira alle elezioni e a un Governo delle destre, il cosiddetto buon governo, da contrapporre a quello quotidianamente criticato di Giuseppe Conte, è finita per trovarsi alla guida di tutto quello che non va fatto per evitare al Paese di precipitare nuovamente nel baratro del Covid. Imbarazzo comune a quello delle forze dell’ordine. Non deve essere stato semplice infatti per chi indossa una divisa non poter bloccare quel pericoloso assembramento dopo aver fatto maxi sanzioni a coppiette e pensionati sorpresi a non rispettare l’ormai noto distanziamento sociale.

DURA VERITAS. I Verdi hanno annunciato un esposto alla Procura della Repubblica contro la manifestazione del centrodestra, per il mancato rispetto delle misure di sicurezza. “E’ un fatto vergognoso – ha dichiarato il coordinatore nazionale Angelo Bonelli – in sfregio a chi ha combattuto contro la pandemia”. ‘’Il sentimento di unità oggi è stato cancellato dalle immagini di una piazza vergognosamente strumentalizzata dal centrodestra con Salvini, Meloni e Tajani”, ha aggiunto la deputata pentastellata Anna Macina. Ma, oltre all’enorme rischio legato ai danni che può aver provocato un simile assembramento, a far tristemente riflettere c’è un dato: Salvini & C. non hanno saputo neppure gestire una manifestazione di piazza ai tempi del Covid-19 e per tutto il lockdown hanno sparato contro i giallorosa e in particolare contro Conte, sostenendo che l’approccio dell’esecutivo era sbagliato.

I sovranisti vorrebbero mettersi alla guida del Paese, che deve ancora difendersi da un punto di vista sanitario e far ripartire il tessuto economico ridotto a brandelli, quando non riescono neppure a tenersi la mascherina sul volto e a gestire i loro simpatizzanti. Passi il folklore, seppure pericoloso, dell’estrema destra e dei gilet arancioni del generale Antonio Pappalardo con la giacca da ufficiale Aperol. Passino quelle provocazioni sul virus che non esiste, i rappresentanti delle istituzioni da arrestare e tutto il repertorio del populismo più becero. Un film già visto. Di quelli che non verranno mai girati dentro le Camere o a Palazzo Chigi. Non sono quelle le forze presenti in Parlamento. Ma per la Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia, quella che dovrebbe essere l’alternativa, è diverso. Ieri a Roma hanno abbassato davvero la mascherina, ma non solo quella che serve a evitare di diffondere il virus: hanno mostrato il loro vero volto con quanto sanno fare e le troppe cose che non sanno fare. Il Paese ora ha uno strumento in più per capire a cosa andrebbe incontro saltando sul Carroccio.