Detenzione di materiale pedopornografico. Condannato in appello Alberto Stasi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Alberto Stasi è stato condannato nel processo di appello per detenzione di materiale pedopornografico a 30 giorni di reclusione, che sono stati convertiti in una pena pecuniaria da 2.540 euro. E’ stata inoltre prevista la pena accessoria dell’interdizione perpetua da qualunque incarico di ogni ordine e grado nonché da ogni ufficio o servizio in istituzioni o strutture pubbliche o private frequentate prevalentemente da minori.
L’accusa si riferiva a 17 frammenti di immagini trovati nel pc del giovane in occasioni delle indagini per l’omicidio di Chiara Poggi a Garlasco il 13 agosto del 2007, crimine per il quale Stasi è stato imputato in un processo che riprenderà in ultimo grado davanti alla Corte di Cassazione il prossimo 5 aprile.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA