Di Maio difende Virginia dagli attacchi del Pd. Il Raggi bis è più vicino. Il ministro critico verso Zingaretti. Così si alimentano soltanto tensioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Alla ricerca del via libera per una ricandidatura a sindaco e dunque per un eventuale secondo mandato, dopo aver ottenuto delle aperture da parte dello stesso reggente del Movimento 5 Stelle, Vito Crimi, ma avendo assistito anche a pesanti stroncature di tale ipotesi, a cominciare dalla capogruppo in Regione Lazio, Roberta Lombardi, senza considerare le critiche pesantissime di Nicola Zingaretti, ieri la sindaca Virginia Raggi ha incontrato alla Farnesina il ministro Luigi Di Maio. Il ministro degli esteri ha lasciato la guida del M5S, ma pesa ancora e tanto tra i pentastellati. Non è ancora chiaro se proverà a riprendere in mano le redini del Movimento una volta convocati i cosiddetti Stati Generali, ma la parola di Di Maio conta tra i 5 Stelle.

Dallo staff dell’ex capo politico assicurano che il ministro e la sindaca di Roma non hanno parlato del possibile Raggi bis. Difficile credergli. Tanto che dopo l’incontro il ministro degli esteri ha detto ai suoi: “L’attacco di Zingaretti a Virginia è stata una leggerezza. Bisogna dosare le parole per evitare di alimentare in questo momento tensioni nella maggioranza”. Il confronto sembra quindi essere stato estremamente positivo e tale particolare potrebbe essere determinante per accendere la luce verde su una nuova corsa di Virginia Raggi al Campidoglio.

IL DIBATTITO. La sindaca di Roma da tempo è tra i fautori di una deroga alla regola pentastellata del limite massimo dei due mandati per i sindaci. Negli ultimi giorni i segnali che ha ricevuto sono stati per lei incoraggianti. “Penso che si debba discutere della permanenza del vincolo per chi amministra. Abbiamo sindaci al secondo mandato a Roma, Torino, Marino e Vimercate. Chi amministra dovrebbe poter lavorare in un’ottica pluriennale, quindi una riflessione va fatta. Il mondo cambia e dobbiamo tenerne conto”, ha dichiarato il reggente Crimi.

Un cambiamento apprezzato da molti nel Movimento. Ma non da tutti. Di diverso avviso infatti, tra gli altri, la capogruppo in Regione Lazio. Le chat interne sono bollenti. Non a caso, dopo la nomina a commissario dell’ex presidente del Municipio IV di Roma, Roberta Della Casa, sfiduciata all’unanimità dalla maggioranza pentastellata e da tutto il Consiglio, la presidente del Municipio VII, Monica Lozzi, è arrivata ad accusare la Raggi di bullismo istituzionale.

IL FACCIA A FACCIA. Il ministro Luigi Di Maio e la sindaca Virginia Raggi si sono incontrati ieri alla Farnesina e al termine del faccia a faccia l’ex capo politico ha dichiarato: “Oggi mi è venuta a trovare Virginia. Una bella chiacchierata, profonda. L’ho ringraziata per il grande lavoro che sta portando avanti, anche in questa emergenza”. A mostrare aperture verso la sindaca per un bis nel 2021 è quindi stato anche il sottosegretario pentastellato Carlo Sibilia. “La ricandidatura di Virginia Raggi? Qualcuno ha usato le mie parole sulla possibilità di una corsa di Alessandro Di Battista contro di lei – ha detto Sibilia – ma il mio non era affatto un giudizio sul suo operato, anzi: ringrazio Virginia e le sono vicino perché tutti conosciamo la difficoltà delle condizioni in cui ha operato. Non sono certo io da collocare tra quelli che le sparano contro”. Fonti vicine a Di Maio hanno infine fatto sapere che quello tra il ministro e la sindaca non è stato un incontro politico. Ma che non si sia discusso del bis nel 2021 è improbabile.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA