Dieci anni di visite fiscali senza essere un medico

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Clemente Pistilli

E’ possibile fare il medico fiscale senza uno straccio di laurea e mantenere l’incarico per dieci anni presso un ente pubblico, senza che mai venga fatto un controllo? In Italia si può fare ed è quanto accaduto a Como, dove quando è stato scoperto il caso si è aperto un contenzioso legale, finito con la restituzione della metà delle somme richieste dallo Stato, alla luce proprio del comportamento omissivo mantenuto a lungo dalla pubblica amministrazione.
Dal 1998 al 2008, Antonio Micieli, 60 anni, comasco, si è visto rinnovare di anno in anno dalla locale Azienda sanitaria l’incarico di medico fiscale. Mai una gara, mai un controllo. All’Asl era sufficiente una dichiarazione: “Sono un medico”. E via alla convenzione. Micieli andava così a visitare i lavoratori in malattia e stabiliva lui se quei lavoratori erano realmente malati. Una semplice verifica sulle autocertificazioni, fatta dopo ben dieci anni, portò poi a scoprire che Micieli non era un medico: non si era mai laureato e non era di conseguenza mai stato iscritto all’albo. Fino a quel momento all’Asl era bastata appunto un’autocertificazione, in cui il 60enne aveva dichiarato di aver conseguito la laurea nel 1979 a Milano. La Procura contabile lombarda ha mandato Micieli a giudizio, chiamandolo a risarcire 200mila euro all’Asl. Il 60enne, che per tale vicenda sul fronte penale ha patteggiato la pena a un anno di reclusione e 600 euro di multa, nel corso del processo contabile ha ribattuto specificando che, nel corso degli anni, laurea o no, l’Asl non aveva mai avuto nulla da dire sul suo operato e che non aveva quindi procurato alcun danno. La difesa del comasco ha inoltre sostenuto che, se danno c’era stato, a produrlo era stata anche l’Asl, per “aver omesso, non solo all’epoca dell’assunzione, ma anche nei successivi dieci anni, qualsiasi controllo sulla veridicità dei titoli di studio e delle dichiarazioni rese dal sedicente professionista”. Quest’ultimo argomento è stato in larga parte condiviso dai giudici. La Corte dei Conti per la Lombardia ha così infine condannato il falso medico a risarcire soltanto 113mila euro sui 220mila richiesti. Una condanna per il danno erariale causato con le visite fatte da un abusivo e per il danno all’immagine dell’Asl di Como, la stessa che ha fatto un controllo dopo dieci anni.