Allarme per la dieta gluten-free. Per chi non è celiaco diventa pericolosa. I cibi possono contenere arsenico e mercurio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Negli ultimi anni la dieta gluten-free è diventata una moda, ma come si dice non è oro tutto quel che luccica. Infatti una recente ricerca mostra come i cibi per celiaci espongano i consumatori a livelli maggiori di metalli pesanti dai potenziali effetti tossici, come arsenico e mercurio. Non eccedere ma sceglierla solo in caso di necessità naturalmente è il miglior consiglio, anche perché solo l’1% della popolazione ha una effettiva diagnosi di celiachia, malattia dovuta alla risposta immunitaria a una proteina presente in cereali come grano, segale e orzo. Ma negli ultimi anni le vendite di prodotti senza glutine hanno avuto un vero e proprio boom. Infatti c’è la convinzione, in molti, pur se non scientificamente provato, che riducano l’infiammazione del colon o addirittura le calorie.  Anzi, in quest’ultimo caso è stato provato proprio il contrario. E così la dieta celiachia può diventare un cult al quale alcuni si affidano pur non avendone bisogno. Una moda vera e propria, che però porta con sé dei rischi laddove non risulti indispensabile.

Esami sballati – I ricercatori della School of Public Health dell’Università dell’Illinois a Chicago hanno così preso in esame i dati di quasi ottomila persone tra i 6 e gli 80 anni, che hanno partecipato tra il 2009 e il 2014 al National Health and Nutrition Examination Survey. Di queste, 73 seguivano una dieta gluten-free e mostravano concentrazioni di arsenico nelle urine due volte maggiori rispetto agli altri e livelli del 70% maggiori di mercurio nel sangue. I prodotti senza glutine, infatti, contengono farina di riso come sostituto del grano, ma il riso è soggetto alla bioaccumulazione di alcuni metalli tossici derivanti da fertilizzanti, suolo o acqua. I chicchi di riso sono in grado di concentrare molti minerali e oligoelementi che vengono dall’acqua. Chiaramente gli stessi ricercatori sottolineano che sono necessari maggiori studi per esaminare a pieno l’esposizione ai metalli pesanti degli alimenti gluten-free.

Rischio cancro – La presenza di tali metalli nell’organismo aumenta il rischio di malattie croniche e di contrarre il cancro. Lo Iarc ha infatti inserito l’arsenico e il cadmio tra i cancerogeni del gruppo 1, mentre il metilmercurio nel gruppo 2B, tra i possibili cancerogeni. Non è certo quali siano gli effetti di una dieta con scarsa esposizione ad arsenico e mercurio, è possibile però che possa aumentare il rischio di cancro. Mangiare gluten-free, se non è necessario, può portare carenze nutrizionali e il sistema immunitario e quello batterico potrebbe subire dei danneggiamenti. Ma soprattutto i cibi gluten-free non fanno dimagrire, anzi determinano un apporto maggiore di grassi, calorie e zuccheri saturi. Senza considerare che l’organismo potrebbe abituarsi all’assunzione di cibi privi di glutine non essere più in grado di riconoscere la proteina scatenando reazioni allergiche.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA