Dipendenza da cellulari e pc. Pure i giovani pagano il conto. Internet e chat provocano insonnia e ansia. Un adolescente su due dorme meno di otto ore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Smartphone, tablet e pc sono una vera e propria minaccia per gli adolescenti, tutto il giorno a chattare. La dipendenza dalla tecnologia, infatti, genera nei ragazzi gli stessi effettivi nocivi delle droghe e può minare gravemente lo sviluppo celebrale. Sono i cellulari le nuove droghe dei giovani che minacciano le loro notti con internet, social e videogiochi, un bombardamento tecnologico alla Nighmare. Un’insonnia tecnologica che li priva del sonno con meno di sei ore a notte, almeno una notte su dieci. Questo provoca grandi problemi allo sviluppo del cervello e se c’è già una predisposizione latente li espone al rischio di disturbi psichici. A 18 anni il 75 per cento degli adolescenti dorme meno di 8 ore, e solo il 3 per cento dorme più di 9 ore. Numeri che allarmano gli psichiatri perché è proprio durante le ore di riposo notturno che il cervello mette in atto una sorta di pulizia e di ri-organizzazione degli stimoli ricevuti durante il giorno. Un lavoro fondamentale per la salute emotiva di ognuno di noi, tanto più importante durante gli anni dell’adolescenza in cui il cervello è particolarmente plastico e risponde, nel bene e nel male, adattandosi all’ambiente. Studi che hanno coinvolto oltre 100mila ragazzi hanno trovato “una forte correlazione tra disturbi del sonno a quantità di sonno inadeguata, scarsa qualità del sonno e eccessiva sonnolenza diurna e utilizzo di smartphone e social network soprattutto nelle ore serali”, ha spiegato Claudio Mencacci, direttore Dipartimento Neuroscienze e salute mentale del Sacco di Milano. La mancanza di sonno cronica aumenta il livello di stress e agisce sulle competenze emotive e relazionali dei ragazzi.  E poi c’è la depressione che sta aumentando sempre più, soprattutto fra gli adolescenti, ammoniscono gli esperti. E proprio in questi giorni dagli Usa arriva l’allarme dei Centers for Disease Control: sono circa 15 milioni i bambini americani affetti da un disturbo mentale, emotivo o un disordine comportamentale, e solo il 20 per cento di questi viene diagnosticato e quindi curato.

Diversi livelli – In Italia ci sono oggi più di 8 milioni giovani tra i 12 e i 25 anni e, secondo i dati Istat, circa il 10 per cento si dichiara globalmente insoddisfatto della vita, delle relazioni amicali, familiari e della salute. La protezione del cervello degli adolescenti si articola a diversi livelli e secondo Mencacci servono un’alleanza, clinica e scientifica, ma anche organizzativa;, come interventi sulla popolazione e sulla scuola per la promozione della salute psichica, oltre a politiche sociali, riconoscimento precoce dei segni di malattia. Su quest’ultimo punto non va sottovalutato il fatto che la familiarità esiste ed è molto pesante nell’area della salute mentale. Per gli esperti si dovrebbe iniziare a pensare a programmi di prevenzione, in un modo simile a come succede oggi per le giovani donne con familiarità per il tumore al seno. Evitando così future patologie psichiche.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA