Direttamente dai campi Di Pietro si vuole bere D’Alema: “Il suo vino? Lui sul trattore a lavorare la vite come faccio io? Bisogna vedere se ha i calli sulle mani…

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Antonio Di Pietro sfida Massimo D’Alema. Non in politica, ma in campagna. E si, l’ex pm di Mani Pulite in questi giorni è proprio nella sua terra a Montenero di Bisaccia (Campobasso) per lavorare la vite. Un vino semplice e fatto in casa quello di Tonino, sicuramente differente da quello di D’Alema finito alla ribalta nelle scorse settimane a causa di un’indagine. Di Pietro, intervistato da Radio Cusano Capus per Ecg Regione, è stato intercettato proprio mentre era sul trattore in campagna: “Il vino di D’Alema? Non l’ho mai assaggiato ma lo berrei volentieri. Il mio vino è semplice, una cosa fatta in casa. D’Alema sul trattore a lavorare il suo vino come faccio io? Per capire se una persona dice il vero o il falso bisogna vedere i calli alle mani: se uno ha le mani ordinate è un contadino… di via Montenapoleone”.  Non sono mancati gli attacchi a Renzi sull’Italicum e ad Alfano per la gestione della sicurezza a Milano (“vada a pascolare le pecore…”). Qualche battuta al volo, per poi tornare in fretta a lavoro: “In questo momento sto togliendo le erbacce nella mia campagna, quella che qualcuno ha quantificato come 56 appartamenti”, polemizza con Report, “e ora sto cercando di sistemare la vigna”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA