Disposti gli arresti domiciliari per Formigoni. L’ex governatore lombardo a febbraio era stato condannano a 5 anni 10 mesi per corruzione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il tribunale di sorveglianza di Milano ha disposto gli arresti domiciliari per Roberto Formigoni, l’ex governatore della Lombardia finito in carcere a febbraio dopo la condanna definitiva a 5 anni e 10 mesi per corruzione per il caso Maugeri. I difensori di Formigoni, Mario Brusa e Luigi Stortoni, avevano sollevato la questione della irretroattività della ‘spazzacorrotti’, legge che ha imposto una stretta sulle misure alternative al carcere per i condannati per corruzione. Formigoni, scrive il Tribunale di Sorveglianza nel provvedimento, ha “riletto la sua vicenda comprendendone gli sbagli” a partire dalla sua “amicizia con Daccò “, comprese le “vacanze in yacht”, e per lui, anche se volesse, non c’è più “spazio” per collaborare. I giudici valorizzano, inoltre, il “basso profilo” da lui tenuto in carcere con i detenuti che, in quanto ex politico, gli hanno fatto molte richieste.