Diventerà reato istigare pratiche che provocano anoressia e bulimia. Stretta anche sul web per fermare la diffusione di notizie false sui disturbi alimentari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Verso l’intesa M5S-Pd-Forza Italia per approvare, entro gennaio, in commissione Sanità del Senato, il disegno di legge sui disturbi alimentari. Due i ddl in discussione a Palazzo Madama: quello della senatrice azzurra Maria Rizzotti (nella foto), adottato come testo base, e quello della senatrice Caterina Bini del Pd. E’ prevista “l’introduzione del reato di istigazione a pratiche che provocano anoressia e bulimia” per “mettere a tacere blog e siti che fanno propaganda online ai disturbi alimentari”. L’obiettivo è quello di avere medici di base, pediatri e insegnanti qualificati per riconoscere e affrontare il problema. “Provvedimenti, come questo non hanno colore politico”, assicura Pierpaolo Sileri, presidente M5S della Commissione Sanità di Palazzo Madama.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA