Dj Fabo sveglia il Parlamento. Dopo tre rinvii, la legge sul fine vita approderà in Parlamento il 13 marzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il caso dj Fabo ha dato uno sprint fondamentale contro la negligenza del Parlamento italiano. E così la legge sul fine vita approderà in Parlamento il 13 marzo, una settimana dopo la prima data ipotizzata, cioè il 6 marzo. Il testo, secondo quanto afferma la relatrice Donata Lenzi (Pd), rimasto invariato rispetto a quello già noto, non uscirà stasera dalla commissione Affari sociali ma domani perché si attendono ancora i pareri della commissione Bilancio e Giustizia.

Nell’esprimere solidarietà a Marco Cappato, i senatori dem chiedono un confronto urgente sulla questione del fine vita. “Esprimiamo la nostra solidarietà a Marco Cappato per l’inchiesta aperta a Milano. La politica ha un solo modo per uscire dall’angolo: cominciare finalmente la discussione sulla legge relativa al testamento biologico. Il confronto in aula, come ha detto ieri il premier Gentiloni, è doveroso. Si faccia di tutto per riprenderlo, onorando così anche la memoria di Dj Fabo”, scrivono in una nota i senatori del Pd Laura Cantini, Andrea Marcucci e Francesca Puglisi.

Bisogna ricordare, peraltro, che già per tre volte la discussione della legge era stata procrastinata. Finalmente arriva la calendarizzazione, sperando non sia l’ennesimo fuoco di paglia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA