Il Decreto agosto è legge. Sì definitivo dell’Aula della Camera. Il provvedimento vale 25 miliardi. M5S: “Diamo risposte concrete a famiglie e imprese”

dalla Redazione
Politica

L’Aula della Camera ha confermato la fiducia al governo sul decreto legge Agosto con 294 voti a favore, 217 contrari e due astenuti. Il via libera definitivo al provvedimento è arrivato in serata con 265 voti a favore, 180 contrari e due astenuti. Il decreto, ora legge, vale 25 miliardi in termini di indebitamento e contiene diverse misure a sostegno dei settori economici e sociali colpiti dalla crisi in seguito all’epidemia. Il decreto legge Agosto arriva a completamento del pacchetto da quasi 100 miliardi di misure prese nel corso del 2020 e ha fatto registrare una serie di correzioni in prima lettura. Nel provvedimento sono confluiti anche altri tre decreti legge, già all’esame del Senato, legati all’emergenza Coronavirus, sulla scuola e sul voto elettorale e referendario.

“Il dl agosto diventa legge e i tanti cittadini, famiglie e imprese che hanno pagato il prezzo più alto della crisi derivante dall’epidemia da Covid-19, possono tirare un sospiro di sollievo”. E’ quanto affermano i deputati del MoVimento 5 Stelle della Commissione Trasporti alla Camera. “In particolare, con le risorse del del agosto – aggiungono – mettiamo il territorio italiano così duramente colpito dal dissesto idrogeologico, con la messa in sicurezza ponti, viadotti grazie all’istituzione di un Fondo del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, oltre alla realizzazione di nuovi ponti con una dotazione complessiva di 200 milioni di euro nel periodo 2021-2023”.

“Abbiamo inoltre previsto – aggiungono i parlamentari M5S – importanti aiuti per il settore marittimo che, nonostante enormi difficoltà, ha dimostrato di essere un settore strategico del Paese. Per i dipendenti del settore marittimo, delle navi iscritte nei registri nazionali, sono stati stanziati 50 milioni di euro per la compensazione dei danni subiti dovuti alla riduzione dei ricavi tariffari tra febbraio e dicembre 2020; 35 milioni di euro per le decontribuzioni del settore della crocieristica e del cabotaggio marittimo; 26,4 milioni di euro di copertura per l’erogazione di un’indennità pari a 600 euro ai lavoratori marittimi per i mesi di giugno e luglio 2020 e, infine, 20 milioni di euro per la riduzione dei canoni delle concessioni portuali”.

“Per compensare i danni subiti dalle imprese nel settore dei trasporti – aggiungono – in ragione dei minori ricavi è prevista, inoltre, una dotazione di 20 milioni di euro per il 2020 e di 5 milioni per l’autotrasporti merci. Ma – con questo decreto – abbiamo incrementato di 400 milioni di euro la dotazione del Fondo per compensare le imprese di trasporto pubblico locale e ferroviario regionale che hanno subito una riduzione dei ricavi tariffari. Senza dimenticare i greenbonus che riguardano anche l’acquisto agevolato di mezzi a basso impatto ambientale per ridisegnare il volto delle nostre città sia in termini di mobilità sia ambientali. O il Superbonus per l’efficientamento energetico che consente di mettere in sicurezza milioni di edifici, riqualificando il patrimonio immobiliare delle nostre città e stimolare la ripresa del settore dell’edilizia. Soluzioni concrete che creano lavoro e fanno risparmiare concretamente”.