Dl Cura Italia, la cassa integrazione in deroga. Il confronto tra diverse disposizioni regionali. Domani 5° webinar #IlLavoroContinua di Cifa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’emergenza Coronavirus ha mutato il quadro di riferimento per l’accesso agli ammortizzatori sociali, introducendo con il Dl Cura Italia la Cassa integrazione in deroga. Cosa prevedono gli accordi quadro delle regioni italiane in materia di CIGD alla luce delle novità legislative? Quali sono le procedure sindacali da rispettare e come devono comportarsi le aziende multilocalizzate per accedere? Sono alcuni degli argomenti del webinar dl Cura Italia: la cassa integrazione in deroga. Il confronto tra le diverse disposizioni regionali” cui si potrà partecipare giovedì 9 aprile alle ore 14 registrandosi gratuitamente su www.illavorocontinua.it.

Si tratta del quinto webinar organizzato dall’associazione confederale Cifa Italia, dal Fondo Interprofessionale Fonarcom e dal sindacato Confsal nell’ambito de #IlLavoroContinua, l’iniziativa di solidarietà digitale nata per informare e orientare il mondo produttivo, i dipendenti e i professionisti e per offrire soluzioni strategiche. I webinar sono gratuiti e permettono a tutti i partecipanti l’interazione con i relatori.

Dopo i saluti di Andrea Cafà (presidente CIFA Italia) interverranno Simone Cagliano (consulente del lavoro ed esperto Fondazione Studi Consulenti del Lavoro), Maurizio Ballistreri (docente di Diritto del lavoro all’Università di Messina), Giovanni Greco (consulente del lavoro ed esperto Fondazione Studi Consulenti del Lavoro). Modererà il webinar Salvatore Vigorini (consulente del Lavoro e presidente del Centro Studi InContra).

#IlLavoroContinua è anche sui social network: è nato il gruppo ufficiale Facebook dove i membri della community possono incontrarsi per raccogliere idee, raccontare testimonianze, confrontare esperienze, porre domande ai relatori e suggerire i temi dei prossimi webinar.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA