Al via domani il processo ai quattro 007 egiziani accusati del sequestro e dell’omicidio di Regeni. Ma il dibattimento rischia di essere sospeso perché gli ufficiali non saranno presenti in aula

Giulio Regeni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si aprirà domani a Roma, nell’aula bunker di Rebibbia, davanti ai giudici della terza Corte d’Assise, il processo a carico dei quattro 007 egiziani accusati del sequestro e dell’omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore friulano morto in Egitto nel febbraio del 2016. Gli imputati – il generale Sabir Tariq e gli altri tre ufficiali National security egiziana: Usham Helmi, Athar Kamel Mohamed Ibrahim e Magdi Ibrahim Abdelal Sharif – non saranno presenti in aula e i giudici dovranno preliminarmente valutare se la loro assenza è volontaria. In tal senso il processo potrà andare avanti, con i quattro in contumacia, altrimenti il dibattimento potrebbero andare incontro a una sospensione.

A maggio il gup, rinviandoli a giudizio (leggi l’articolo), aveva affermato, motivando che il procedimento a carico dei quattro ufficiali poteva comunque andare avanti anche in loro assenza, che “la copertura mediatica capillare e straordinaria ha fatto assurgere la notizia della pendenza del processo a fatto notorio”.

Nella lista dei testi, presentata dai genitori di Regeni, che dovrà essere ammessa dalla Corte, compaiono anche i presidenti del consiglio che si sono succeduti in Italia dal 2016, oltre che ministri degli Esteri e i sottosegretari con la delega ai servizi segreti. Nei confronti di tutti e quattro gli imputati la Procura di Roma contesta il reato di sequestro di persona pluriaggravato e a carico di Magdi Ibrahim Abdelal Sharif anche il concorso in lesioni personali aggravate e il concorso in omicidio aggravato.

Secondo le conclusioni dell’inchiesta della Procura di Roma (leggi l’articolo), coordinata dal sostituto procuratore Sergio Colaiocco, Regeni fu torturato in più fasi e per giorni, tra il 25 e il 31 gennaio 2016. Indicibili sofferenze che gli causarono fratture e ferite compatibili con calci, pugni e violenti colpi sferrati con bastoni e mazze.

“L’autopsia eseguita in Italia – ha spiegato Colaiocco alla Commissione parlamentare che si sta occupando del caso Regeni – ha dimostrato che le torture sono avvenute a più riprese, tra il 25 e il 31 gennaio. L’esame della salma depone per una violenta azione su varie parti del corpo. I medici legali hanno riscontrato varie fratture e ferite compatibili con colpi sferrati con calci, pugni, bastoni e mazze. Giulio è morto, presumibilmente il 1 febbraio, per la rottura dell’osso del collo”.