Domani saranno presentati i risultati dell’indagine nazionale sullo smart working 2020: Capire il presente per progettare il futuro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Com’è stato per milioni di lavoratori italiani lavorare in smart working in questi ultimi mesi, quali gli aspetti positivi o problematici in termini di benessere fisico, sociale e psicologico, quali le resistenze culturali o le inedite aperture attivate, in quali situazioni il lavoro agile funziona e dove delude? Oggi, che la sfida dell’innovazione è stata accolta anche dal nostro Paese, servono riscontri precisi.

Così, è direttamente ai lavoratori, sia pubblici sia privati, che sono stati posti i quesiti e sono le loro risposte a dare un senso di novità all’Indagine nazionale sullo smart working 2020: capire il presente per progettare il futuro. Promossa dall’associazione datoriale Cifa, dal sindacato Confsal e dal fondo interprofessionale Fonarcom e realizzata dal Centro studi InContra, nell’ambito dell’iniziativa #IlLavoroContinua, la ricerca verrà presentata domani 24 giugno, alle ore 14,30, sulla piattaforma illavorocontinua.it.

In definitiva, i risultati sembrano confermare il fatto che lo smart working ha davvero aperto non solo a un percorso di trasformazione organizzativa ma anche a un nuovo modo di lavorare basato sulla fiducia e sulla collaborazione. Ne deriva che favorire flessibilità, responsabilizzazione e autonomia significa favorisce anche una trasformazione del lavoratore, non più “dipendente” – cioè valutato in base al tempo di lavoro svolto – ma “professionista”, e quindi valutato in base ai risultati ottenuti. Ai lavoratori, dice l’indagine, questa svolta piace.

A discutere di tutto questo domani saranno: Andrea Cafà, presidente di CIFA (nella foto) e di FonARCom; Salvatore Vigorini, consulente del Lavoro e presidente Centro studi InContra; Cesare Damiano, componente Cda INAIL; Rosario De Luca, presidente Fondazione studi Consulenti del Lavoro; Vincenzo Silvestri, presidente Fondazione Consulenti per il Lavoro, Angelo Raffaele Margiotta, segretario generale Confsal.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA