Dopo 35 anni il Parlamento torna a indagare sul caso Moro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ad appena 35 anni dai fatti, i nostri deputati hanno deciso di costituire una Commissione parlamentare di inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro. Ritengono infatti che quella tragica pagina sia «ancora densa di misteri. Ultimamente nuove rivelazioni e nuove dichiarazioni hanno riacceso i riflettori sul caso, rianimando un dibattito che sembrava sopito. Sembrano emergere rilevanti elementi di novità, che riguardano azioni e omissioni e che ruotano sul sospetto che la morte di Moro poteva essere evitata». Maddai. La proposta bipartisan, il cui primo firmatario è l’ex dc Beppe Fioroni, ha ormai concluso il suo iter nella Commissione Affari costituzionali. Una volta approvata dall’aula, la Commissione s’insedierà per un periodo massimo di 18 mesi e per un costo di 45mila euro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA