Doppio colpo a Gomorra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Lo Stato buss ancora alle porte di Gomorra. Un blitz all’alba nella provincia di napoli ha, infatti, portato al fermo di 17 esponenti del clan di Camorra ‘Moccia’. I fermati sono indiziati d’associazione di tipo mafioso, porto abusivo d’arma da fuoco e estorsione aggravati dalle finalità mafiose. Secondo le indagini della Dda di Napoli, il gruppo si stava estendendo dal rione Salicelle di Afragola, a Casoria, Caivano, Crispano e Cardito, dopo una scissione che ha causato un conflitto interno al gruppo con alcuni omicidi.

All’operazione hanno partecipato i carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna e gli agenti della Squadra mobile di Napoli. Il decreto di fermo è stato emesso dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli al termine di indagini congiunte di Polizia e Carabinieri sul gruppo criminale del quale facevano parte i 17 fermati.

Colpo alle cosche anche nel casertano, dove un’operazione interforze ha portato a 9 arresti e al sequestro di decine di milioni di euro. Sono state sottratte al controllo del clan Belforte di Marcianise: ditte, abitazioni e società riconducibili a persone ritenute legate al clan per parecchie decine di milioni di euro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA