Draghi esclude il rimpasto di Governo e un futuro in politica dal 2023. “La squadra è efficiente e quindi va avanti. Mi candidano in tanti posti, ma lavoro lo troverei da solo”

Aumento prezzi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“No, la squadra è efficiente e quindi va avanti”. Ha risposto così, nel corso della conferenza stampa dedicata alla Giustizia (leggi l’articoloqui il video), il presidente del Consiglio, Mario Draghi, a chi gli chiedeva se sarebbe disponibile di fronte a eventuali richieste dei partiti di maggioranza in merito un rimpasto di Governo.

Il premier Draghi esclude un impegno in politica dal 2023

E quanto a un impegno di Draghi in politica dal 2023: “Le rispondo in maniera totalmente chiara: lo escludo. Ho visto che tanti mi candidano in tanti posti in giro per il mondo. Ringrazio moltissimo tutti ma se per caso decidessi di lavorare dopo questa esperienza, probabilmente un lavoro lo troverei anche da solo…”.

Concetto che il premier Draghi ha ribadito anche in un altro passaggio del suo intervento quando gli è stato chiesto se la disponibilità ad essere un “nonno al servizio delle istituzioni” finisca a dicembre: “Ho già risposto, lo escludo! Chiuso. Vorrei esser chiaro!”.

“Il dovere del Governo è proseguire – ha aggiunto il premier Draghi (leggi l’articolo) -, affrontando le sfide importanti per gli italiani: quella immediata del caro energia, quella meno immediata ma preoccupante dell’inflazione che aggredisce il potere d’acquisto e diminuisce la competitività delle imprese, l’uscita dalla pandemia e l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza”.