Il giallo sui fondi per i disabili. Draghi smentisce di averli tagliati per fare fronte al caro-bollette. “La somma rimane. La volontà del governo è molto chiara”

disabili Draghi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La tutela e la promozione dei diritti delle persone con disabilità è una priorità assoluta per il Governo. La decisione di istituire un Ministero dedicato riconosce le specificità e l’urgenza di questo tema. Permette alle amministrazioni e alle associazioni di avere un punto di riferimento istituzionale, con cui dialogare e collaborare in modo costante”. È quanto ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nel suo intervento alla VI Conferenza Nazionale sulle Disabilità aperto questa mattina dalla ministra Erika Stefani (qui il video).

“Il Governo – ha aggiunto il premier – vuole fare in modo che le persone con disabilità abbiano servizi efficienti, spazi pubblici ospitali, un’assistenza adeguata ai loro bisogni. Dobbiamo accogliere la loro legittima aspettativa di vivere pienamente la propria vita, i propri sogni, le proprie speranze. E dobbiamo accompagnare le loro famiglie in questo percorso, perché sia il più semplice e condiviso possibile. Perché i diritti e le aspirazioni di tutti i cittadini abbiano uguale valore e uguale dignità”.

Il premier ha rassicurato circa la notizia, apparsa sul Fatto, sulla sottrazione di 200 milioni al fondo per la disabilità: “Non è così, la somma rimane e non c’è da preoccuparsi, se è necessario si farà di più perché  la volontà del governo è molto chiara su questo punto”. Draghi ha poi ricordato come secondo le più recenti stime dell’Istat, le persone con disabilità in Italia sono più di tre milioni. “Questo numero – ha detto ancora -, per quanto significativo, non rappresenta l’unicità di ogni vita. Ogni disabilità è diversa e ha bisogno di un sostegno specifico. Soprattutto – ogni persona è diversa, e ha il diritto di seguire le proprie aspirazioni”.

“L’assistenza deve tenere conto dell’individualità. Dobbiamo accompagnare le persone con disabilità nell’elaborazione di progetti di vita personalizzati e indipendenti. La pandemia – ha evidenziato ancora il presidente del consiglio – ha reso ancora più urgente agire in questo senso. La crisi sanitaria ha acuito le debolezze del sistema di sostegno per le persone non autosufficienti. Le restrizioni sono state necessarie per frenare il contagio, a beneficio soprattutto dei più vulnerabili. Ma hanno reso più difficile mettere in atto politiche di inclusione, in particolare in ambito scolastico”.

“Dei 281 mila studenti con disabilità che frequentano le scuole italiane, quasi uno su quattro non ha potuto partecipare alla didattica a distanza nei primi mesi della pandemia. Una perdita enorme – per gli studenti, per le famiglie, per la società. Nonostante le difficoltà, il Governo si è mosso con determinazione per aiutare le persone con disabilità durante l’emergenza. Nelle scuole – dove, a partire da marzo, gli studenti con disabilità sono potuti tornare in presenza anche in zona rossa, in anticipo rispetto a molti loro compagni. E negli ospedali – dove i pazienti con disabilità hanno potuto fare affidamento sui loro accompagnatori, nonostante le restrizioni all’accesso”.

“L’andamento della pandemia – ha detto ancora Draghi – ci impone di mantenere alta l’attenzione su questo tipo di assistenza. Ma dobbiamo andare oltre la gestione della crisi e progettare interventi di lungo periodo, per migliorare in modo permanente la vita delle persone con disabilità in Italia. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza prevede oltre 6 miliardi di euro per le persone con disabilità. Miglioriamo l’accessibilità ai trasporti e ai luoghi di cultura e abbattiamo barriere architettoniche che impediscono alle persone con disabilità di usufruire dei servizi come gli altri cittadini. Potenziamo l’assistenza di comunità, l’assistenza domiciliare e la telemedicina, per prevenire l’istituzionalizzazione”.

“Ci impegniamo a garantire tutte le cure necessarie in un contesto autonomo e socialmente adeguato, per combattere la marginalizzazione. Il Disegno di legge delega sulle disabilità, approvato alla Camera e attualmente in discussione al Senato, segna un passaggio decisivo per raggiungere questi obbiettivi. La sua approvazione è tra i traguardi che ci siamo impegnati con la Commissione Europea a raggiungere entro la fine dell’anno nel processo del Pnrr e confido che sarà raggiunto”, ha concluso il premier.