Draghi morde il Colle

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Napolitano chiede la crescita alla Bce mentre Draghi risponde che l’Italia deve fare le riforme.
“L’Italia intende portare avanti con determinazione e accelerare un chiaro impegno di superamento di sue debolezze strutturali, a cominciare dal così elevato debito pubblico”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, parlando questa sera in un incontro con il Direttivo della Bce e i governatori delle banche centrali della zona Euro.

“La sfida numero uno – ha detto, a quanto si apprende – è aprire un nuovo sentiero di forte e sostenibile crescita in Europa. La nostra principale preoccupazione è naturalmente l’altissimo tasso di disoccupazione raggiunto nell’area euro e soprattutto in alcuni Paesi come l’Italia.

LA REPLICA DI DRAGHI

“Solo le riforme strutturali, che aumentano la crescita potenziale, e quindi la sostenibilità del debito, possono creare i margini per usare in futuro la politica di bilancio” in funzione pro-crescita. Lo ha detto il presidente Bce, Mario Draghi, ricordando che le politiche suggerite per l’Ue “sono anche, e forse specialmente, valide per l’Italia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA