Due pesi e due misure. Dal caso Lupi a quello di De Luca. Ora Ncd va all’attacco: Renzi pensi ai suoi indagati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un doppio pesismo che fa discutere quello utilizzato in caso Partito democratico. Perché se per Lupi, che nemmeno è indagato, sono state richieste le dimissioni altrettanto non è stato fatto per tanti esponenti che non erano proprio illibati nei confronti della giustizia. Primo della lista Vincenzo De Luca, che nonostante procedimenti in corso, si è candidato e ha vinto le primarie per correre alle regionali in Campania. Secondo la legge Severino potrebbe cadere anche subito qualora venisse eletto. Casi simili per tre sottosegretari del partito: Vito De Filippo (Salute), Francesca Barracciu (Beni culturali), Umberto Del Basso De Caro (Infrastrutture) per il quale però è stata chiesta l’archiviazione dalle accuse. A livello di immagine non è proprio il massimo per Renzi. Per queste ragioni parte di Ncd è furiosa col premier.