Duecentomila italiani già a letto con la febbre. Si tratta di uno dei 262 virus in circolazione. Ma l’influenza vera e propria arriverà a Natale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non è influenza ma il risultato è lo stesso: febbre, naso che cola e tosse. Nonostante ciò, il peggio deve ancora arrivare anche perché questo è soltanto uno dei 262 virus con cui potremmo avere a che fare, anche se ha già messo già a letto 200mila italiani.

I capricci del meteo con un’alternanza capricciosa di violenti temporali e poi ritorno di temperature estive, sta favorendo molto di più la diffusione di questi malanni parainfluenzali, l’influenza vera e propria, invece, arriverà a Natale. Allora quali sono i sintomi che ci fanno capire se si tratta di vera influenza o, invece, di sindromi parainfluenzali? Si può parlare di influenza solo se ci sono tre condizioni presenti contemporaneamente: febbre elevata, circa 38° a insorgenza brusca; sintomi sistemici: dolori muscolari o articolari e sintomi respiratori: tosse, naso che cola, congestione e secrezione nasale, mal di gola.

In tutti gli altri casi si parla di infezioni respiratorie acute o sindromi parainfluenzali, come ad esempio il raffreddore, dove i sintomi principali sono il naso otturato e gli starnuti frequenti. Le raccomandazioni sono sempre le stesse, in primis il riposo e poi farmaci di automedicazioni che aiutano ad alleviare i sintomi. Gli esperti, come sempre, raccomandano un uso corretto di antibitici.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA