È arrivata l’app Bob. Renzi la battezza promettendo sostegno a Gentiloni mentre parla di elezioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Bob, a ritmo lento, è arrivato. Anzi, è arrivata trattandosi di un’applicazione. E il segretario del Pd, Matteo Renzi, ha voluto inaugurarla conducendo il programma #OreNove, una sorta di #Matteorisponde. L’ex premier ha sostenuto di voler dare pieno appoggio a Paolo Gentiloni: “Il governo sta facendo quello che serve all’Italia con il pieno sostegno del Pd”. Ma poi è tornato sulla questione-elezioni: “Il tema del voto non si pone sulla base della legge elettorale ma sulla base di che tipo di manovra vogliamo fare”. Quindi è entrato in polemica con Mario Monti: “La mia idea è diversa da quella di Monti perché la cultura dell’austerity ha creato un aumento dei disoccupati e a me interessa ridurli. Sei mesi prima o dopo sulla data delle elezioni non cambia niente, la manovra va fatta e noi lavoreremo insieme a Gentiloni per capire come va fatta”.

Renzi, nel suo one man show su Bob, ha anche riparlato della legge elettorale, che a suo giudizio potrebbe portare una “pacificazione”. “C’è la possibilità di pacificare il Paese. Andremo a vincere le elezioni con le regole del gioco volute da altre. Con le idee e non con il giustizialismo”. Così alla fine ha voluto rilanciare il dibattito sui problemi concreti: “Non stiamo indietro alle questioni di palazzo, ma ai sogni delle persone”. Tra le cose da risolvere c’è il nodo-Flixbus: “Chiuderla sarebbe una follia. Siamo dalla parte della libertà, se qualcuno fa meglio ovviamente siamo contenti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA