E’ finita l’era di Conte. Ma sparare sui 5 Stelle va sempre di moda. Stampa di regime accanita su Crimi. Con lui si è superata ogni decenza

VITO CRIMI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Vito Crimi usato come pungiball alla trasmissione di Giovanni Floris, DiMartedì su La 7. Lo hanno messo in mezzo, una vera e propria triangolazione di fuoco, con due sicari spietati, Concita De Gregorio e il direttore di Libero Alessandro Sallusti che infierivano senza pietà. E il giorno dopo il quotidiano continuava il killeraggio mediatico aggiungendo: “Una sorta di pugile suonato, Vito Crimi, il leader del M5S che non sa più cosa dire per difendere e giustificare l’operato del suo partito alle prese con le consultazioni con Mario Draghi. Alla fine, pare, a decidere sarà il voto-pagliacciata su Rousseau, la fantomatica piattaforma dell’uno-vale-uno. Roba da mani nei capelli”.

Secondo Libero, Sallusti avrebbe fatto scacco matto nella trasmissione di Floris con un sillogismo di raffinata fattura aristotelica e cioè: pensate che valga ancora la regola dell’uno vale uno? Sì lo pensiamo, risponde il reggente. Bene, dice il filosofo-direttore. Ed allora – conclude – secondo lei Toninelli vale Draghi? Ma che c’entra? replica il reggente, ma nel frattempo il direttore-filosofo non l’ascolta più. È levitato, come il protagonista di Matrix, a tre metri dal suolo. Ogni ruga gli risplende di grazia e soddisfazione. Le sue frustrazioni dei duri anni di studio sono superate. Il suo sillogismo – pensa – ha fatto centro e il povero Crimi sembra Rocky dopo che è stato massacrato da Ivan Drago, cognome che è una strana coincidenza.

E la sadica pasionaria rossa Concita, etichettata dal segretario dei democratici Nicola Zingaretti, come radical chic, gode al settimo cielo di essersi cucinata il reggente con una frase ad effetto: “Quando Draghi si trova davanti uno come lei…”. Crimi è stato insultato dai giornalisti per mesi con Fabrizio Roncone che lo ha definito “l’orsacchiotto Vito” e “l’orsacchiotto che voleva fare il ministro”, in un ritratto al vetriolo uscito sul Corriere della Sera. Ma insomma, il giornalismo dovrebbe essere una cosa seria e non presa in giro del politico di turno. Ed anche se Crimi disse che i giornalisti gli stavano sugli zebedei ad un giornalista professionista è richiesto anche di esercitare un autocontrollo su di sé altrimenti tutto finisce in caciara e chi perde è sempre la democrazia e la correttezza.

Ed anche Floris, sinceramente, questa volta non è apparso all’altezza, perché non solo non ha bloccato i colleghi, ma ci ha messo pure, come si suole dire, il carico da undici mettendosi a ridere quando Crimi risponde: “Mario Draghi li ha sorpresi per quanto è vicino ai grillini”. Non è molto professionale prendere in giro un leader politico del primo partito rappresentato in Parlamento, se non altro per senso dello Stato e delle Istituzioni. Ma ormai l’andazzo in Italia è questo. O sei allineato al mainstream o sono botte mediatiche da orbi. E poi si lamentavano che i Cinque Stelle non volevano andare in Tv… Certo che se uno va per farsi massacrare poi in futuro ci pensa attentamente a tornare.